Chiarimenti sulla conversione del permesso di soggiorno per lavoro stagionale

Articolo letto 9917 volte!

Il fenomeno dell’immigrazione è sempre in continuo aumento. Si tratta dell’immigrazione regolare e dell’immigrazione irregolare. Quest’ultima sta portando con sé delle tragedie specialmente nel mare Mediterraneo con delle perdine inaudibili delle vite umane. Ormai questo mare sta diventando un grande cimitero a cielo aperto. Per entrare in Europa, fuggendo dalle guerre e tanti altri problemi che non favoriscono il rispetto dei diritti umani, tanti migranti sono tentati a provare ogni via possibile per mettere la loro vita al sicuro. Alcuni cercano di raggirare le leggi promettendo delle false assunzioni anche durante questo periodo in cui c’è il decreto flussi in corso per favorire le conversioni ed eventuali nuovi ingressi dei lavoratori stranieri qualificati in Italia. Ma, i Ministeri dell’Interno e del Lavoro e Politiche Sociali sono molto vigilanti. Vediamo come.

Come l’abbiamo già detto alcuni giorni fà, il decreto flussi 2015 ha le sue caratteristiche che non trovavamo nei decreti flussi degli anni passati. In questo momento in cui il Governo italiano sta cercando di risolvere i problemi di mancanza di lavoro dovuti alla crisi economica, non sarebbe stato facile fare entrare in Italia tanti lavoratori stranieri mentre ci sono anche dei lavoratori italiani che non stanno lavorando. La cosa anche da sottolineare è che tanti lavoratori immigrati fanno dei lavori che gli italiani non vogliono più fare come nelle costruzioni edili, lavoro domestico per badanti, baby sitter, cuochi, etc.  Un altro tipo di lavoro che spesso spetta ai lavoratori immigrati è il lavoro stagionale che si fa solo in alcuni periodi dell’anno come la raccolta della frutta, dei pomodori e di tanti altri tipi di prodotti dell’agricoltura. Ci sta anche il lavoro stagionale nel settore del turismo sopratutto durante alcune stagioni dell’anno in montagna o al mare.

Condizioni per fare la conversione del permesso di soggiorno per lavoro stagionale in permesso di soggiorno per lavoro subordinato




In una circolare resa pubblica in questi giorni, il Ministero dell’Interno in collaborazione con il Ministero del Lavoro e Politiche Sociali hanno chiarito alcuni dubbi sui requisiti che bisogna fare per poter presentare la richiesta di conversione del permesso di soggiorno rilasciato per motivo di lavoro stagionale in permesso di soggiorno per lavoro subordinato. Spetta alla Direzione Territoriale del Lavoro valutare l’esistenza di due condizioni per il primo anno d’ingresso in Italia:

  • Il lavoratore deve aver già svolto un lavoro stagionale almeno per 3 mesi. Per verificare questo, La Direzione Territoriale del Lavoro controllerà la comunicazione obbligatoria di assunzione (UNILAV) e l’esistenza dei contributi versati all’ente di previdenza nel periodo considerato.
  • Il reddito del datore di lavoro deve anche garanti lo stipendio al lavoratore per il tipo di lavoro svolto regolarmente e per il periodo dichiarato.

Annuncio:

Bisogna quindi stare molto attenti perché la legge non prevede nessuna tolleranza in caso di falsa assunzione o di altre pratiche che possono portare al reato di favoreggiamento di reato d’immigrazione clandestina.

Articolo letto 9917 volte!

10 Replies to “Chiarimenti sulla conversione del permesso di soggiorno per lavoro stagionale”

  1. Valuable info. Fortunate me I found your web site accidentally, and I am
    stunned why this twist of fate did not came
    about in advance! I bookmarked it.

  2. I would like to thank you for the efforts you’ve put in writing this site.
    I am hopping the same high-grade web site popst from you in the upcoming also.

    In fact your creative writing skills has inspired mme to get my own site now.
    Actually the blogging is spreading its wings rapidly.
    Your write up is a great example of it.

  3. salve;

    Ho la carta di soggiorno per matrimonio. Aime io e mio marito ci siamo separati di casa e residenza ma non di fatto e ora vogliamo divorziare . Io vorrei subito dopo sposare il mio attuale compagno.
    nel periodo tra il divorzio e il nuovo matrimonio paseranno circa sei mesi perché devo fare il nulla osta etc… non essendo in questi sei mesi sposata ( mettiamo che non lavorassi, io mi auguro di si) per tanto nmdovendp aggiornare la mia carta di soggiorno; rischierei di trovarmi clandestina???
    Se non comunico alla questura il mio stato civile do divorziata fino a che non abbia di nuovo contratto matrimonio rischio qualcosa?

    Aiutatemi.

    • Salve, Giovanni. Se ci sono tutti i requisiti per avere un permesso di soggiorno per lavoro, si potrebbe chiedere la conversione ma bisogna stare attenti perché bisogna rinunciare allo status di rifugiato politico. La stessa cose succede per la protezione sussidiaria come lo vedi qui: http://permessodisoggiorno.org/il-permesso-di-soggiorno-per-protezione-sussidiaria/ . Comunque se non c’è un motivo specifico che obbligare a fare la conversione, si potrebbe evitare questo rischio, visto che in caso perdita di lavoro si perde anche il permesso di soggiorno mentre lo status da rifugiato politico non ha scadenza e permette di lavorare. Cordiali saluti ed alla prossima!

  4. Buonasera,

    Vorrei sapere se il permesso di soggiorno per studio si può convertire in quello per lavoro subordinato anche prima della scadenza?

    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

DESIDERI UNA RISPOSTA IN POCO TEMPO? Ecco come averla:

Scegli il tipo di assistenza desiderata
Nome e cognome
Email o telefono