Ecco chi non deve pagare la tassa per il permesso di soggiorno

Articolo letto 44052 volte!

In Italia, una delle eredità che il governo guidato da Silvio Berlusconi ha lasciato agli stranieri è il contributo che ogni cittadino straniero deve pagare per il rilascio o il rinnovo del suo permesso di soggiorno. Oltre a questo contributo, esiste anche un altro costo da pagare per il bollettino PSE (Permesso di Soggiorno Elettronico). Chi deve pagare? Quanto bisogna pagare?

Contributo per il rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno

Con il disegno di legge 733 del 2009, il Ministero dell’Interno guidato dal leghista Roberto Maroni ha introdotto il pagamento d’un contributo economico per finanziare il fondo per rimpatriare gli stranieri che vivono in Italia senza permesso di soggiorno regolare. In pratica, con questa legge, sono gli stranieri che pagano perché gli altri stranieri siano mandati nei loro paesi di origine. Questo è stato anche chiamato pacchetto sicurezza!

Immigrati alla questura: tassa sul rilascio e rinnovo permesso di soggiorno. Consegna e ritiro permesso di soggirno

Nonostante la crisi economica e lavorativa che non risparmia neanche gli stranieri, con questa legge il contributo ingiustificato era davvero alto e varivaa secondo la durata del permesso di soggiorno in questo modo:

  • 80,00 euro per i permessi di soggiorno che durano fino ad un anno;
  • 100,00 euro per i permessi di soggiorno che durano fino a due anni;
  • 200,00 euro per i permessi di soggiorno che durano più di due anni e dirigenti di azienda.

Questa tassa era stata annullata dalla sentenza del TAR Lazio n. 060095 del 24 maggio 2016, ma il governo si è opposto a questa sentenza ed ha chiesto la sua sospensione almeno fino alla successiva decisione tramite il Consiglio di Stato. In una circolare urgentissima, il Ministero dell’Interno ha reso ufficiale questa sospensione della sentenza chiedendo ai questori di continuare a lavorare solo le pratiche accompagnate dalla prova dell’avvenuto pagamento della tassa che variava dai 80 ai 200 euro. Anche le pratiche di richiesta di rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno presentate prima del 14 settembre 2016 devono essere riviste se il pagamento della tassa non è stato fatto. Comunque, ci sono pochi casi in cui questo pagamento non viene richiesto.

Annuncio:



Gli altri importi fissi da pagare rimangono invariati

Oltre a questo contributo, si continua a pagare altri 3 importi fissi per ogni richiesta di rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno:

  • 30,46 euro per la stampa del permesso di soggiorno elettronico;
  • 30,00 euro per le attività condotte da Poste Italiane;
  • 16,00 euro per la marca da bollo da apporre sulla documentazione da presentare.

Con il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 05/06/2017, sono stati fissati i nuovi importi della tassa o contributo sul permesso di soggiorno e sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale n. 131 le 08 giugno 2017 per entrare in vigore il giorno dopo, cioè il 09 giugno 2017. Ecco i nuovi importi della tassa di soggiorno:

  • 40 euro: per il rilascio o rinnovo d’un permesso di soggiorno con una durata da 3 mesi ad un anno;
  • 50 euro: per chiedere o rinnovare un permesso di soggiorno con una validità tra un anno e 2 anni;
  • 100 euro: questo contributo riguarda la richiesta di rilascio del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, cioè la ex carta di soggiorno, e per i dirigenti di aziende.

Intanto, esistono pochissimi casi in cui questo contributo viene esentato, cioè non c’è l’obbligo di pagarlo. Riassumiamo questi casi in questa tabella:

Tipologia permesso

Bollettino PSE 30,46

Contributo (da 40,00 a 100,00 euro)

Familiari al seguito cittadino UE No No
Art. 27 Lavoro subordinato No No
Rinnovo asilo politico No
Rinnovo rifugiato politico No
Stranieri dai 14 ai 18 anni No
Aggiornamento / Conversione permesso di soggiorno No
Duplicato permesso di soggiorno No*




Dal 30 gennaio 2015, in più i titoli del permesso di soggiorno per asilo politico o protezione sussidiaria che hanno compiuto almeno 5 anni in Italia possono richiedere il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (cioè la carta di soggiorno) senza pagare il contributo di 100,00 che le altre categorie di immigrati pagano per averlo. Chi ha già pagato può richiedere il rimborso all’Ufficio Immigrati della questura dove ha presentato la domanda. Ovviamente questo pagamento non è l’unico requisito che viene preso in considerazione. Per conoscere tutti gli altri requisiti e condizioni richiesti per avere il permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo, clicca qui.

Per tutti gli altri casi, bisogna pagare o presentare la documentazione che certifichi che il richiedente vive nelle condizioni che non gli permettono di poter pagare. In questo caso bisogna includere tanti certificati tra cui lo stato di famiglia e l’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE).

Infine, ricordiamo che per vivere in Italia, ogni straniero deve avere un reddito proveniente da lavoro od altre fonti lecite di guadagno non inferiore all’assegno sociale. L’importo del valore dell’assegno sociale varia ogni anno. Clicca qui per sapere il minimo di reddito che bisogna avere nel 2016.

* Questa è una novità introdotta dal nuovo decreto del 08/06/2017.

Articolo letto 44052 volte!

10 Replies to “Ecco chi non deve pagare la tassa per il permesso di soggiorno”

  1. salve vorrei un aiuto se possibile,il mio ragazzo ha ricevuto la sentenza del giudice e gli è stato riconosciuto il permesso di soggiorno umanitario di due anni, ma la questura non glielo rilascia dicendo che senza passaporto e residenza non può avere niente e non osservano la sentenza del giudice.il comune senza permesso di soggiorno non gli fa residenza!il passaporto non gli viene rilasciato senza permesso di soggiorno!!! una strana catena no???bloccati dalla burocrazia?sono passati già 5 mesi dalla sentenza del giudice…fateci capire come si esce da questo strano problema se potete.

  2. Mi sorprende che voi continuate a confondere permesso di soggiorno UE e carta di soggiorno.
    ” (…) permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo (cioè la carta di soggiorno)”

    Sono due documenti diversi con caratteristiche diverse. La carta di soggiorno si riferisce esclusivamente al documento rilasciato al familiare di cittadino comunitario, come indicato dal Decreto Legislativo 6 febbraio 2007, n. 30

  3. Pingback: Incredibilmente, torna la tassa sul permesso di soggiorno

  4. Buongiorno
    il blog molto interessante.

    domanda; devo rinnovare il permesso di soggiorno di mia mama, è da 4 anni che le danno 2 anni; come si fa a cheidere un prmesso di più di 2 anni?

  5. Pingback: Di nuovo la tassa sul permesso di soggiorno è cancellata

  6. I’m not that much of a online reader to be honest but your blogs really nice, keep it up!
    I’ll go ahead and bookmark your site to come back in the future.
    All the best

  7. Heүy un mio coⅼlega mi ha inviato il link a questo sito e sono venuta a vedere com’è.

    Mi piace molto. Messo tra i preferiti. Splendido blog e gгafica eccezіonale!

  8. Ciao ᥙna mia amicɑ mi hɑ inviatο il link a questo Ьlog e sono passato a vedere com’è.
    Mi piace enormemente. L’ho aggiunto tra i prefeгіti.
    Sⲣlendido ѕitօ e gгafica meraviglioso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

DESIDERI UNA RISPOSTA IN POCO TEMPO? Ecco come averla:

Scegli il tipo di assistenza desiderata
Nome e cognome
Email o telefono