Finalmente, ecco i nuovi italiani in Parlamento!

Articolo letto 1006 volte!

Grazie alla politica di alcuni partiti, finalmente alcuni nuovi italiani arrivano nel Parlamento della Repubblica italiana. Questo è il primo passo verso l’integrazione e la buona convivenza partecipativa. Stranieriinitalia.it ha incontrato i due nuovi eletti come deputati d’origine straniera. 

I due esponenti del Partito Democratico siederanno alla Camera dei Deputati: “Ci batteremo per diritti e cittadinanza”. Non eletti gli altri candidati di origine straniera.

Nella corsa dei nuovi italiani al Parlamento,  solo due di loro sono riusciti a tagliare il traguardo. Cécile Kyenge Kashetu e Khalid Choauki, un’immigrata e un figlio di immigrati, entrano alla Camera dei Deputati nelle fila del Pd.

Cécile Kyenge Kashetu“È una responsabilità importante, dovremo portare l’attenzione sui valori che abbiamo condiviso nel Forum immigrazione del partito. Questa non è la vittoria mia o di Chaouki, è la vittoria di tutto un gruppo che ha lavorato per portare le sue idee Parlamento” dice a Stranieriinitalia.it Kyenge Kashetu, medico oculista di origini congolesi eletto in Emilia-Romagna, già consigliere provinciale a Modena.

“Queste elezioni – ammette  la neodeputata- sono una sorpresa, ci vorrà ancora tempo per sconfiggere il berlusconismo. Forti della nostra doppia identità, dobbiamo però combattere per una partecipazione politica piena e per rafforzare un concetto di cittadinanza forte, che rispetti i diritti di tutti, italiani e stranieri”.

Khalid ChaoukiKhalid Chaouki, giornalista e responsabile Nuovi Italiani del Pd,  nato a Casablanca e cresciuto in Emilia, è risultato il primo dei non eletti nella circoscrizione Campania 2, ma arriverà comunque a Montecitorio perché il capolista Enrico Letta ha optato per l’elezione nelle Marche.  L’obiettivo principale? “Ora dobbiamo portare a casa la riforma della cittadinanza, chi nasce o cresce in Italia è italiano. Dobbiamo dare una prova di responsabilità a un milione di figli di immigrati ce aspettano da troppo tempo” dice.

Era la prima riforma annunciata da Bersani, ma il Partito Democratico non ha una conquistato la maggioranza che si aspettava. “In Parlamento – ribatte Chaouki – bisognerà trovare la massima convergenza tra le forze politiche, che sono chiamate a rendere realtà un diritto sentito già dalla maggior parte degli italiani. Rimane uno dei punti principali della nostra agenda, sono convinto che ci riusciremo”.



È una battaglia che i suoi compagni di partito Nona Evghenie e Fernando Biague  non seguiranno da Montecitorio. I voti raccolti dal Pd in queste elezioni non sono infatti bastati ad eleggere la consigliera comunale padovana di origini romene e lo psicologo altoatesino nato in Guinea Bissau, che erano in lista ma non in posizioni “blindate”.

Occasione sfumata anche per i candidati di origine straniera (alcuni dei quali oggettivamente in posizioni “impossibili”) che altre forze politiche volevano portare in Parlamento. Dalla giovane Kaoutar Badrane, avvocato di origine marocchine candidata in veneto da Futuro e Libertà per l’Italia a Rania Ibrahim, blogger milanese di origine egiziana che correva per la lista Monti in Lombardia.

Neanche Sinistra Ecologia Libertà è riuscita a portare nuovi italiani in Parlamento. Niente da fare, quindi, per Mercedes Frias, origini dominicane, già parlamentare durante l’ultimo governo Prodi, né per la mediatrice culturale Farhia  Aidid Aden, nata in Somalia.

Le urne bocciano pure Pape Diaw, militante antirazzista, leader della comunità senegalese fiorentina che le alchimie delle candidature hanno voluto capolista di Sel in Veneto. “Ho imparato molte cose  – scrive oggi su Facebook – durante questa esperienza. Ho perso le elezioni, ma ho guadagnato tante amicizie. Il popolo ha scelto, serve silenzio per comprendere. Ritorno a fare quello che ho sempre fatto, la difesa dei più deboli. Grazie ancora a tutti. Tanti auguri ai vincitori, e buon lavoro…”

Elvio Pasca, stranieriinitalia.it

Articolo letto 1006 volte!

One thought on “Finalmente, ecco i nuovi italiani in Parlamento!

  1. E’ stato presentato il 21 marzo a firma Bersani e altri il primo ddl sulla cittadinanza.
    Tra i firmatari, Cécile Kyenge Kashetu, neo deputata del Partito Democratico: «Bisogna partire da una nuova coesione sociale, riconoscendo il valore del meticciato».
    Ad oggi sono ben 18 i progetti di legge o di modifica alle leggi esistenti presentati alla Camera, di cui ben 8 dal PD, 3 dal Gruppo Misto, 3 dalla Lega Nord, 2 di iniziativa popolare e uno ciascuno da SEL e Scelta Civica. Il Movimento 5 Stelle, sull’argomento, ancora tace…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.