Giancarlo Gentilini (Lega Nord) è condannato per istigazione all’odio razziale

Articolo letto 1270 volte!

Giancarlo Gentilini, vicesindaco di Treviso e  candidato sindaco di Lega Nord e Popolo delle Libertà alle prossime comunali è stato condannato per istigazione all’odio razziale: la Corte d’appello di Venezia conferma la sentenza di primo grado (quattromila euro di multa e divieto per tre anni di partecipare a comizi politici, pena sospesa).

Giancarlo Gentilini
Giancarlo Gentilini

Gentilini doveva rispondere di istigazione a commettere atti di discriminazione razziale per alcune sue frasi durante il suo comizio del 14 settembre 2008 a Venezia, con parole decisamente forti usate nei confronti degli nomadi, musulmani e immigrati alla “Festa dei popoli padani”, un raduno leghista che si tenne a Venezia nel 2008. Si tratta d’un’invocazione alla “rivoluzione” contro “clandestini” e “nomadi”, “pulizia dalle strade di tutte queste etnie che distruggono il nostro Paese”. Disse di voler “ eliminare tutti i bambini degli zingari che vanno a rubare dagli anziani”, in nome di una “tolleranza a doppio zero”.



Se la prese con i musulmani “coloro che vogliono aprire le moschee e i centri islamici e qui”. “No! – disse – Vadano a pregare nei deserti. Aprirò una fabbrica di tappeti e regaleremo i tappeti, ma che vadano nei deserti”.

Se la prese anche con i magistrati “romani” o “del sud”, ai napoletani che avrebbero dovuto mandare la loro spazzatura, passando per le donne col burqa e gli immigrati che frequentano i phone center e “si mettono a mangiare e bere di notte, pisciano sui muri. Che vadano a pisciare nelle loro moschee se occorre, ma non nelle città italiane”.

Gentilini disse no pure al diritto di voto per gli immigrati: “Non voglio vedere consigliere neri, gialli, marroni, grigi, insegnare ai nostri giovani. Cosa insegnano? La civiltà del deserto? La civiltà di coloro che scappano dietro ai leoni o quelli che corrono dietro alle gazzelle per mangiarle?”. E alla fine chiarì: “Non voglio più vedere queste genie che girano per le strade”.

Ecco il video di uno dei suoi comizi razzisti:

Quale è la vostra idea su questi politici che vogliono dividere il Paese invece di unirlo?

Quale deve essere il comportamento degli immigrati e tutti agli altri colpiti da questa discriminazione razziale? 

COMMENTATE DIRETTAMENTE QUI SOTTO:

arrow down

Articolo letto 1270 volte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.