Perché tanti migranti verso l’Italia? I tipi di visto e la loro durata

Articolo letto 2078 volte!

Attualmente si parla tanto del fenomeno migratorio, specialmente degli immigrati che arrivano in Italia o in tanti altri paesi europei attraversando il Maditerraneo. Tantissimi ci hanno perso la vita, tanti sono ancora in Libia e tanti altri paesi in attesa della possibilità di poter iniziare il viaggio senza speranza di arrivare. La prima cosa che tanti si chiedono è questa: perché tanti migranti verso l’Italia? Perché scelgono l’Italia? Non sarebbe meglio e facile chiedere un visto per venire in Italia direttamente con l’aereo senza rischiare di morire in mare? In modo breve e conciso, provo a rispondere a queste domande ed ad indicare i diversi tipi di visto per l’Italia che esistono e la loro durata.

1. Perché tanti immigrati arrivano in Italia via mare?

Il numero degli immigrati che arrivano in Italia ed in tanti altri paesi europei stupisce tutti, anche se in certi momenti dell’anno le statistiche dimostrano che sta diminuendo. I paesi europei continuano a provare a cercare una risposta a questo fenomeno, ma fino adesso non si riesce a ottenere la vera risposta.

Causa e soluzione al naufragio in mare strage immigrati e migranti senza visto d'ingresso nel mediterraneo in Libia e in Italia

La prima cosa da chiedersi è questa: perché tanti ragazzi giovani accettano di intraprendere un viaggio pericoloso senza speranza di arrivare vivi? La risposta è molto difficile. I governi europei, tra cui anche l’Italia, non rilasciano più i visti per motivo di lavoro, spesso neanche per turismo per coloro che provengono dai paesi poveri tra cui anche tanti paesi africani o asiatici. Non rilasciano i visti neanche a coloro che sono in pericolo.

Visto che in tanti paesi ci sono dei problemi molto delicati tra cui guerre, discriminazioni varie e fame, la vita ci è molto difficile. Tanti muoiono di guerra, di fame o rischiano di essere uccisi o carcerati a vita a causa della loro fede o del loro modo di vivere liberamente. Il principio di libertà non esiste più. Allora per non continuare a vivere in questo modo pericoloso, tanti ragazzi e ragazze, uomini e donne decidono di abbandonare i loro paesi per cercare di sopravvivere od avere una vita migliore. Conoscono bene il rischio che c’è nel traversare il deserto e poi il mare. Spesso accettano di pagare tanti soldi che avevano per salire sul gommone e tentare la fortuna di arrivare vivi a destinazione. Tutto questo rischio viene accettato perché le compagnie aeree non accettano le personne senza visto nel passaporto. Spesso non hanno neanche il passaporto perché mai avuto o perso durante la fuga.

Annuncio:



La risposta a questo problema non è la semplificazione del regolamento di Dublino, ma cambiare la politica europea in materia del rilascio del visto per diversi motivi, specialmente per le persone di cui la vita è in pericolo. Occorre anche che i paesi occidentali la smettando di vendere le armi nei paei poveri per aumentare i loro interessi economici senza considerare la vita delle persone che muoiono in guerra. I signori di guerra vengono corrotti per veicolare le armi e ribellarsi contro i governi scelti e non scelti dal popolo. Il pretesto non manca mai. I paesi poveri che non hanno industrie per produrre o trasformare il cibo non possono permettersi di fabricare i fucili e le bombe. Queste arme vengono fabbricate in Occidente dai paesi cosidetti democratici. Questi paesi hanno la soluzione al fenomeno migratorio che abbiamo in Europa adesso. Direi che sono loro la causa stessa. Non vogliono perdere i loro interessi economici e politici.

2. I tipi di visto per l’Italia e la loro durata

Per coloro che vogliono provare a chiedere un visto per entrare in Italia legalmente, vi presentiamo i diversi tipi di visto che esistono attualmente e la loro durata:

1. Visti Schengen Uniformi (VSU): sono i visti validi nel paese che li rilasciano e nei paesi dell’area Schengen, favorendo la libera circolazione per tutto il periodo della validità del visto stesso. Attualmente i paesi che compongono la zona Schengen sono questi: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria.

  • Visto di tipo A: si tratta di visto che viene rilasciato per effettuare un transito aeroportuale;
  • Visto di tipo B: si tratta di visto che viene rilasciato per un periodo inferiore a 90 giorni o tre mesi. Non permette il rilascio del permesso di soggiorno. Possono essere di validità territoriale limitata.
  • Visti di tipo C: riguarda i soggiorni di breve durata o di viaggio fino a 90 giorni con uno o più ingressi
    Al livello Schengen, eccezionalmente secondo la frequenza in cui viene fatta la richiesta, esistono anche i visti di tipo C1 con la durata fino a 1 anno, visti di tipo C2 per la durata di 2 anni, visti di tipo C3 per la durata di 3 anni o visti di tipo C5 per la durata di 5 anni. Ovviamente bisogna dimostrare tutte le garanzie che si rispetterà quest’impegno.

Come chiedere i diversi tipi di visto per l'Italia e l'area Schengen e la durata del visto per l'Italia




2. Visti a Validità Territoriale Limitata (VTL): questa categoria di visto è valida soltanto nel territorio che lo ha rilasciato o nei paesi specificamente indicati sul visto stesso. Non permette in nessun modo di accedere in altri stati non indicati. Ha spesso un carattere d’urgenza e necessità che spinge la rappresentanza diplomatica o consolare a rilasciarlo in presenza di alcune condizioni ben descritte dalla legge stessa.

3. Visti per Soggiorni di Lunga Durata o “Nazionali” (VN), validi per soggiorni di oltre 90 giorni (visto di tipo D), con uno o più ingressi, nel territorio dello Stato Schengen la cui Rappresentanza abbia rilasciato il visto. I titolari di Visto D possono circolare liberamente nei Paesi Schengen diversi da quello che ha rilasciato il visto, per un periodo non superiore a 90 giorni per semestre solo qualora il visto sia in corso di validità.

Per chiedere il visto d’ingresso in Italia online, bisogna compilare il formulario ed includere gli allagati necessari seguendo la procedura che troverai su questo link: Modulo Richiesta Visto per l’Italia.

Clicca qui per conoscere se qualcuno proveniente d’un paese che vuoi ha bisogno del visto per entrare o transitare in Italia.

Nelle prossime pubblicazioni vi continueremo questa rubrica dedicata ai visti parlando dei costi e delle esenzioni previste per alcuni paesi o categorie di persone.

Fonte info visti: Ministero degli Affari Esteri

Gamaliel NIYONSABA

Articolo letto 2078 volte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.