FLUSSI 2024 E 2023: NUOVA DISTRIBUZIONE DELLE QUOTE PER LA CONVERSIONE DEI PERMESSI DI SOGGIORNO

Articolo letto 577 volte!

VUOI RIMANERE AGGIORNATO? Iscriviti alla newsletter qui:

Disponibili più quote per le conversioni da lavoro stagionale a lavoro non stagionale: la nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali chiarisce tutto come lo vediamo in seguito. Questa nuova distribuzione segue la prima ripartizione delle quote del decreto flussi avvenuta nel mese di aprile 2024. Vediamo i dettagli subito. 

Nuova distribuzione quoto decreto flussi 2024 e 2023 per conversione del permesso di soggiorno da lavoro stagionale a lavoro subordinato non stagionale

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MLPS) ha annunciato un’ulteriore distribuzione delle quote previste dal decreto flussi 2024. Questo provvedimento mira a soddisfare le richieste di conversione dei permessi di soggiorno da lavoro stagionale a lavoro subordinato non stagionale.

Nuova distribuzione delle quote per il decreto flussi 2024

In una nota del 10 aprile 2024, la Direzione Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione aveva già distribuito oltre 4.000 quote a livello provinciale. Queste erano destinate alla conversione dei permessi di soggiorno di lavoratori già presenti in Italia, prevalentemente per trasformare i permessi di lavoro subordinato stagionale in permessi di lavoro subordinato non stagionale. Ne avevamo parlato anche in questo video pubblicato anche sul nostro canale su YouTube:

Per rispondere alle crescenti richieste, il 15 maggio 2024, la Direzione ha messo a disposizione ulteriori 2.300 quote. Queste nuove quote sono state anch’esse distribuite a livello provinciale, incrementando o aumentando significativamente le possibilità per i lavoratori stagionali di ottenere un permesso di soggiorno più stabile .

Redistribuzione delle quote inutilizzate del 2023

Oltre alle nuove quote per il 2024, la nota del 15 maggio ha anche previsto la redistribuzione delle quote inutilizzate del decreto flussi 2023. In particolare, sono state assegnate 3.568 quote per soddisfare le richieste di nulla osta al lavoro subordinato, sia stagionale che non stagionale, presentate nell’ambito del decreto flussi del 2023.

Impatto delle nuove misure nella procedura verso il rilascio del permesso di soggiorno per lavoro in Italia

Questa redistribuzione è una risposta diretta alle esigenze del mercato del lavoro italiano e ai bisogni dei lavoratori stranieri che desiderano stabilirsi in Italia con un impiego non stagionale. La decisione di aumentare le quote per la conversione dei permessi di soggiorno riflette un impegno del governo a facilitare l’integrazione dei lavoratori stranieri e a soddisfare la domanda di manodopera in vari settori economici.

Non possiamo dimenticare che la vera integrazione deve anche tenere conto di tutte le persone che stanno vivendo già in Italia irregolarmente. Questa irregolarità ha diverse cause di cui il governo italiano devrebbe occuparsi magari con una sanatoria per la regolarizzazione del loro lavoro attuale.

Con queste nuove misure, il MLPS continua a sostenere l’equilibrio tra le esigenze del mercato del lavoro e i diritti dei lavoratori migranti, promuovendo una maggiore stabilità e continuità occupazionale. Se ci aggiungerà una seria sanatoria, allora una buona parte della strada sarà fatta.

Se vuoi approfondire questa nuova ripartizione delle quote del decreto flussi 2024 e 2023 per provincia, LEGGI QUI, ci troverai la Nota del 15 maggio 2024 e 2 allegati con la ridistribuzione delle quote.

HAI UNA DOMANDA E DESIDERI UNA RISPOSTA IN POCO TEMPO?

Scegli l'assistenza desiderata:
Nome e cognome:
Email o Telefono/Whatsapp:

Articolo letto 577 volte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.