CITTADINANZA ITALIANA: IL PERCORSO PER RIFUGIATI E APOLIDI SPIEGATO IN DETTAGLIO

VUOI RIMANERE AGGIORNATO? Iscriviti alla newsletter qui:

La cittadinanza italiana è il culmine del processo d’integrazione degli stranieri in Italia dopo la lunga battaglia nella giungla del permesso di soggiorno. Questa guida dettagliata si ferma sulla concessione della cittadinanza italiana per apolidi e rifugiati politici. In questo articolo, esploreremo i passaggi fondamentali e i documenti necessari per avviare il percorso verso l’ottenimento della cittadinanza italiana in qualità di rifugiato o apolide. I punti cruciali che affronteremo includono residenza legale, capacità reddituale, conoscenza della lingua italiana e molto altro ancora.

Giuramento cittadinanza italiana e requisiti e procedura per i rifugiati titoli di protezione internazionale e apolidi

Se sei interessato a conoscere tutte le sfumature di questo processo e desideri ulteriori informazioni sulla cittadinanza italiana, ti invitiamo a leggere la nostra guida generale sulla cittadinanza italiana. E se dovessi avere domande, dubbi o necessità di assistenza personalizzata, siamo qui per te. Non esitare a contattarci per una consulenza dettagliata e orientamento professionale su come ottenere la cittadinanza italiana. La strada verso la cittadinanza è un viaggio importante, e siamo qui per rendere questo viaggio più agevole e di successo.

1. Requisiti di base per chiedere la cittadinanza italiana: rifugiati politici ed apolidi

Le persone con status di rifugiato o apolidi possono richiedere la cittadinanza italiana dopo un periodo di residenza legale ininterrotta in Italia. Il periodo richiesto è di 5 anni per i rifugiati e apolidi, mentre i titolari di protezione sussidiaria e speciale devono avere 10 anni di residenza legale.

I 5 anni di residenza per i rifugiati e gli apolidi devono essere calcolati a partire dalla data in cui è stata ottenuta la residenza legale in Italia. Questa data segna l’inizio del periodo di residenza richiesto per essere idonei a presentare la domanda di cittadinanza italiana. È importante tenere traccia con precisione dell’inizio della residenza legale al fine di rispettare i requisiti temporali stabiliti per il processo di richiesta di cittadinanza.

2. Capacità reddituale per chiedere la cittadinanza italiana per residenza

I richiedenti devono dimostrare di avere adeguati mezzi economici per il sostentamento, adempiere agli obblighi fiscali e partecipare ai doveri di solidarietà economica e sociale. I limiti di reddito sono definiti dalla legge, considerando reddito individuale, reddito imponibile per i coniugi a carico e contributi per figli a carico. GUARDA QUESTO VIDEO PER ALTRE SPIEGAZIONI:

3. Conoscenza della lingua italiana per fare la domanda di cittadinanza italiana. 

La conoscenza della lingua italiana deve essere dimostrata attraverso titoli di studio rilasciati da istituti riconosciuti o certificazioni di livello L2/B1 del QCER. Gli enti certificatori includono Università per Stranieri di Perugia, Università per Stranieri di Siena, Università di Roma Tre e Società Dante Alighieri. In alternativa, l’accordo di integrazione o il permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo possono essere accettati.

Altri dettagli sulla conoscenza della lingua italiana richiesta per la cittadinanza italiana sono spiegati in questo pubblicato sul nostro canale YouTube dove ti invitiamo ad iscriverti se non ancora fatto:

4. Documenti richiesti – Certificati di nascita e penale:

I rifugiati e gli apolidi possono presentare dichiarazioni sostitutive di notorietà al Tribunale o al Comune per ottenere i certificati di nascita e penale, considerando le difficoltà nell’ottenere tali documenti dai loro paesi d’origine.

5. Atto di notorietà al posto del certificato penale del paese di origine e certiricato di nascita:

Per sostituire i certificati di nascita e penale, è necessario presentare un atto di notorietà al Tribunale o al comune di residenza, accompagnato da due testimoni. I due testimoni richiesti per l’atto di notorietà, necessario per la sostituzione dei certificati di nascita e penale, devono essere persone affidabili e conoscere personalmente il richiedente. Si tratta di individui imparziali che possono confermare l’identità del richiedente e la sua situazione di rifugiato o apolide. I testimoni dovrebbero essere cittadini italiani o residenti legali nel paese, preferibilmente maggiorenni, e non dovrebbero avere legami familiari diretti con il richiedente.

Annuncio:



La loro dichiarazione sostiene la veridicità delle informazioni fornite, garantendo l’attendibilità della documentazione presentata durante la procedura di richiesta di cittadinanza. I testimoni devono essere muniti di documenti di identità validi al momento dell’atto di notorietà. Questi documenti servono a confermare l’identità dei testimoni stessi e ad attestare la loro affidabilità nell’affermare la veridicità delle informazioni riguardanti il richiedente e la sua situazione di rifugiato o apolide.

6. Certificato di riconoscimento dello status:

I rifugiati devono presentare il certificato di riconoscimento dello status di rifugiato o la certificazione di apolidia come prova del loro status. Senza questo certificato, non sarebbe possibile presentare la domanda di cittadinanza italiana da rifugiato o apolide, ma bisognerebbe aspettare 10 anni di residenza ed avere altri requisiti per la naturalizzazione.

7. Documenti di identità richiesti nella pratica di cittadinanza italiana:

È richiesto un documento di identità valido, che può essere una carta di identità, un documento di viaggio o un titolo di viaggio per apolidi. Chi non fosse in possesso di questo documento di viaggio o titolo di viaggio per rifugiati o apolidi, lo potrebbe chiedere seguendo le indicazioni e spiegazioni indicati anche in questo video:

8. Marca da bollo e contributo obbligatorio per la cittadinanza italiana:

Prima di presentare la domanda, è necessario acquistare una marca da bollo da €16,00 e versare un contributo obbligatorio di €250,00 su un conto specifico indicato. Attualmente si paga online utilizzando PagoPA. I dettagli sono spiegati anche in questo video:

9. Titolo di soggiorno e dichiarazione dei redditi per la cittadinanza italiana per residenza:

Il titolo di soggiorno è un requisito essenziale e deve essere in corso di validità. Inoltre, devono essere fornite dichiarazioni dei redditi degli ultimi tre anni, sia personali che dei familiari conviventi che contribuiscono al reddito.

Se desideri ulteriori informazioni sulla cittadinanza italiana e vuoi esplorare approfondimenti sui diversi aspetti di questo processo, ti invitiamo a leggere la nostra guida generale sulla cittadinanza italiana. Questa risorsa completa ti fornirà una visione più ampia dei requisiti, delle procedure e delle opportunità legate alla cittadinanza italiana.

Siamo qui per assisterti in ogni fase del tuo percorso verso la cittadinanza italiana. Non esitare a contattarci per qualsiasi domanda, dubbio o necessità di consulenza. I nostri esperti sono pronti a offrirti assistenza personalizzata per verificare i requisiti specifici e guidarti attraverso il processo di richiesta. La cittadinanza italiana è un traguardo importante, e siamo qui per aiutarti a raggiungerlo con successo.

HAI UNA DOMANDA E DESIDERI UNA RISPOSTA IN POCO TEMPO?

Scegli l'assistenza desiderata:
Nome e cognome:
Email o Telefono/Whatsapp:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.