GUIDA: CONVERSIONE DEL PERMESSO DI SOGGIORNO DA STUDIO A LAVORO IN SEGUITO AL DECRETO CUTRO

Articolo letto 3141 volte!

VUOI RIMANERE AGGIORNATO? Iscriviti alla newsletter qui:

L’unica cosa positiva che troviamo nella recente Legge Cutro è la possibilità data agli studenti di potere fare la conversione del loro permesso di soggiorno in permesso di sogiorno per lavoro in qualsiasi momento senza aspettare il decreto flussi, cioè conversione studio lavoro fuori quota. Il permesso di soggiorno rilasciato per motivi di studio, tirocinio o formazione può ora essere convertito in un permesso di soggiorno per lavoro subordinato o autonomo in qualsiasi momento dell’anno, grazie al decreto legislativo noto come “Legge Cutro” (DL 20 marzo n. 23, convertito nella Legge 5 maggio 2023 n. 50). Questo cambiamento ha reso più accessibile la conversione del permesso di soggiorno. In questa guida, esamineremo i dettagli della procedura e i requisiti necessari per richiedere la conversione.

Conversione del permesso di soggiorno da motivi di studio in permesso di soggiorno per lavoro subordinato o autonomo: procedura e requisiti

1. Quando è possibile richiedere la conversione del permesso di soggiorno da motivi di studio a lavoro?

La conversione del permesso di soggiorno da studio a lavoro è possibile solo se il permesso è ancora valido e non è scaduto. Tuttavia, è importante notare che il Consiglio di Stato ha stabilito che in alcune circostanze il ritardo nella presentazione della domanda di conversione non costituisce motivo di decadenza del diritto (sentenza del 11 novembre 2021).

La richiesta di conversione può essere fatta anche prima della conclusione del ciclo di studi, se si frequenta l’università (corsi di laurea, master o dottorato di ricerca) o se si è già maggiorenni al momento dell’arrivo in Italia. Nel caso di corsi di formazione o tirocini, la conversione è possibile solo dopo il completamento del corso o del tirocinio.

2. Quali sono i requisiti necessari per la conversione del permesso di soggiorno da studio a lavoro?

Prima di richiedere la conversione, è fondamentale verificare di soddisfare i requisiti previsti dalla legge. Il permesso di soggiorno rilasciato per motivi di studio, formazione o tirocinio può essere convertito in un permesso per lavoro subordinato o autonomo.

  • Conversione in lavoro subordinato: Per richiedere la conversione in lavoro subordinato, è necessario presentare una proposta di contratto di soggiorno sottoscritta dal datore di lavoro e dal lavoratore stesso in segno di accettazione del contratto di lavoro che viene firmato successivamente. Questa proposta deve contenere dettagli come i dati del datore di lavoro, il tipo di contratto collettivo nazionale (CCNL) applicato, livello/mansioni, orario di lavoro settimanale, località di impiego, ecc. L’orario di lavoro previsto nella proposta deve essere superiore a 20 ore settimanali. e lo stipendio deve essere superiore all’importo dell’assegno sociale dell’anno di riferimento. GUARDA QUESTO VIDEO PER CAPIRE MEGLIO:

    Annuncio:



  • Conversione in lavoro autonomo: Se si desidera convertire il permesso in lavoro autonomo, è necessario ottenere una certificazione che attesti il possesso dei requisiti per svolgere un’attività autonoma. Inoltre, sarà richiesta la documentazione relativa all’attività prevista e la disponibilità finanziaria necessaria per esercitarla (un reddito superiore al livello minimo previsto dalla legge per l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria, ovvero 8.500,00 euro). Se si desidera avviare un’attività come imprenditore, commerciante o artigiano, sarà necessaria l’iscrizione alla camera di commercio. Bisogna iscriversi all’albo se l’attività che si vuole svolgere richiede questa iscrizione.

3. Come si richiede la conversione del permesso di soggiorno da studio in permesso di soggiorno per lavoro?

La domanda di conversione del permesso di soggiorno deve essere presentata tramite il portale del Ministero dell’Interno, e sarà indirizzata allo Sportello per l’Immigrazione della provincia di residenza dello studente straniero. È possibile presentare la domanda telematicamente, direttamente dal titolare del permesso di soggiorno o da un soggetto accreditato o delegato, come un patronato o un altro professionista.

I moduli da compilare per la domanda di conversione includono:

  • Modello VA per la conversione in permesso di soggiorno per lavoro subordinato.
  • Modello Z per la conversione in permesso di soggiorno per lavoro autonomo.
  • Modello V2 per la conversione in permesso di soggiorno per lavoro subordinato per stranieri che hanno raggiunto la maggiore età in Italia o si sono laureati in Italia.
  • Modello Z2 per la conversione in permesso di soggiorno per lavoro autonomo per stranieri che hanno raggiunto la maggiore età in Italia o si sono laureati in Italia.

NB: Questi moduli sono quelli abituali che si usava durante la conversione negli anni scorsi. Rimangono ancora in vigore fino a quando il Ministero dell’Interno darà altre indicazioni. Per questo motivo, rimane sospesa la possibilità di utilizzare il kit postale durante questo tipo di conversione. Vi terremo aggiornati se ci saranno altri chiarimenti su questa procedura.

4. Quali sono i principali documenti per convertire il permesso di soggiorno da studio in permesso di soggiorno per lavoro? 

Per avviare il processo di conversione del permesso di soggiorno da studio a lavoro, è fondamentale raccogliere e presentare la documentazione richiesta. Assicurati di preparare attentamente i seguenti documenti:

  1. Copia del passaporto: Assicurati di avere una copia del tuo passaporto, che è un documento essenziale per la procedura. Atrimenti ti servirà uno di questi documenti che possono sostituire il passaporto elencati qui.
  2. Permesso di soggiorno in corso di validità: Il permesso di soggiorno rilasciato per motivi di studio deve essere ancora valido al momento della richiesta di conversione. Presenta una copia del permesso in corso di validità. A meno che si appartenga all’esenzione di cui abbiamo parlato sopra, grazie alla sentenza del 11 novembre 2021.
  3. Certificato per l’idoneità alloggiativa: Per dimostrare di avere una residenza adeguata in Italia, potrebbe essere richiesto un certificato che attesti l’idoneità alloggiativa. Questo documento è importante per stabilire la tua residenza durante il periodo di lavoro.
    GUARDA I DETTAGLI IN QUESTO VIDEO:
  4. Codice fiscale: Il codice fiscale italiano è essenziale per scopi fiscali e amministrativi. Assicurati di averne uno e presentane una copia.
  5. Tessera sanitaria: La tessera sanitaria italiana è importante per l’accesso ai servizi sanitari in Italia. Assicurati di avere una copia della tua tessera sanitaria.
  6. Altri documenti correlati: A seconda del tipo di lavoro che intendi svolgere, potrebbero essere richiesti documenti aggiuntivi. Ad esempio, se stai avviando un’attività autonoma, potrebbe essere necessaria la documentazione relativa all’attività stessa e all’iscrizione alla camera di commercio, partita IVA, etc.

5. Procedura di conversione del permesso di soggiorno presso lo Sportello Unico Immigrazione e la questura

Dopo aver presentato la richiesta di conversione del permesso di soggiorno da studio a lavoro e aver ottenuto la convocazione presso lo Sportello Unico Immigrazione, il passo successivo è la firma del contratto di soggiorno che abbiamo visto sopra. Questo importante documento regolerà la tua permanenza in Italia per motivi di lavoro.

Una volta firmato il contratto di soggiorno con il datore di lavoro presso lo Sportello Unico Immigrazione, la procedura prosegue presso la Questura. In questo step, dovrai compilare il kit di richiesta del permesso di soggiorno per lavoro, fornendo tutte le informazioni richieste e allegando la documentazione necessaria. Inoltre, vengono prese le impronte digitali, una pratica comune durante la procedura di ottenimento del permesso di soggiorno.

Durante questa fase, riceverai una ricevuta che attesta l’avvio della pratica presso la Questura. Questo documento è importante, poiché conferma che la tua richiesta è stata inoltrata e che la procedura è in corso. Assicurati di conservare questa ricevuta in un luogo sicuro, poiché potrebbe essere richiesta come prova del tuo status legale in Italia. Quando il permesso di soggiorno è pronto, viene inviato un messaggio (SMS) sul cellulare indicato durante la compilazione del kit per dare il giorno, l’ora e il luogo (la questura) per andarlo a ritirare.

NB: Se si fa la a conversione di un permesso di soggiorno già in corso di validità, non è richiesto il pagamento del contributo.

Continua a seguire attentamente la procedura e mantieniti in contatto con le autorità competenti per eventuali aggiornamenti sulla tua richiesta di permesso di soggiorno per lavoro. La procedura potrebbe richiedere un pò di tempo, ma con pazienza e seguendo le istruzioni, sarai in grado di completare con successo la conversione del permesso di soggiorno. Puoi verificare lo stato della tua pratica seguendo le indicazioni che troverai in questa guida e in questo video:

Assicurati di raccogliere e organizzare questa documentazione in anticipo, in modo da semplificare il processo di conversione del permesso di soggiorno. Una documentazione completa e accurata è essenziale per garantire che la tua richiesta venga elaborata senza intoppi. Se hai domande specifiche sulla documentazione o hai bisogno di ulteriori dettagli, non esitare a contattarci per assistenza e consulenza personalizzata. Siamo qui per aiutarti in ogni passo del processo di conversione.

La conversione del permesso di soggiorno da studio a lavoro è ora più accessibile grazie alla Legge Cutro. Seguendo la procedura corretta e soddisfacendo i requisiti richiesti, è possibile fare questa transizione in qualsiasi momento dell’anno. Assicurati di raccogliere tutti i documenti necessari e di compilare i moduli corretti per un processo senza intoppi. La conversione aprirà nuove opportunità per il lavoro in Italia. In seguito a questa conversione, dopo 5 anni sarà possibile fare la richiesta del permesso di soggiorno UE soggiornanti di lungo periodo se ci saranno i requisiti per avere questo status di soggiornante permanente in Italia.

 

HAI UNA DOMANDA E DESIDERI UNA RISPOSTA IN POCO TEMPO?

Scegli l'assistenza desiderata:
Nome e cognome:
Email o Telefono/Whatsapp:

Articolo letto 3141 volte!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.