Ho un sogno: da settembre 2013 anche gli immigrati possono accendere ai posti della pubblica amministrazione

Articolo letto 2752 volte!

Il 28 agosto 1963 Martin Luther King pronunciò il suo famoso discorso d’un sogno: I have a dream, cioè Ho un sogno. Il suo sogno era quello di vedere in America l’abolizione delle discriminazioni che regnavano, specialmente, tra banchi e neri. Era un periodo non solo difficile, ma anche tragico perché la gente moriva a causa di queste discriminazioni basate sulla razza. La storia è un grande maestro: attualmente la società si è ricostruita e , addirittura, uno dei discriminati è il Presidente degli Stati Uniti d’America, Barack Obama.  In Italia la situazione non è tanto diversa da quella dell’America di 50 anni fa,  ma la speranza sta alle porte. Possiamo ancora sognare: dal 04 settembre 2013 anche in Italia gli immigrati hanno diritto di concorrere per i posti di lavoro nella Pubblica Amministrazione. Vediamo chi, come e quali sono le condizioni o requisiti.  

Immigrati nella pubblica amministrazione con il permesso di soggiornoInfatti, sotto la pressione dell’Unione Europea l’Italia ha accettato di permettere anche agli immigrati di partecipare ai concorsi per lavorare nella Pubblica Amministrazione. Questo è davvero un gran passo in avanti nel procedimento verso la vera integrazione di tutti i cittadini in questo Paese. È l’inizio della realizzazione d’un attesissimo sogno: quando i figli nati dai genitori di origine straniera saranno fieri ed orgogliosi di essere chiamati cittadini italiani come gli altri con gli stessi diritti e gli stessi doveri anche nelle scuole dove potranno partecipare a tutte le gite e tante altre iniziative con i compagni di classe senza prima presentare il permesso di soggiorno nella stessa patria che li ha visti nascere.



Chi ha diritto di concorrere per un posto di lavoro nella pubblica amministrazione?

Grazie alla legge europea 2013, possono presentare la loro domanda solo i cittadini immigrati che hanno ottenuto:

  • il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lunga durata ( conosciuto come carta di soggiorno).
  • lo status di rifugiato : questo permesso di soggiorno viene concesso secondo la convenzione di Ginevra a coloro che non possono o non vogliono tornare nel loro Paese perché temono persecuzioni varie. Per richiedere il riconoscimento dello “status di rifugiato” è necessario presentare una domanda motivata e documentata, con l’indicazione delle persecuzioni subite e delle possibili ritorsioni in caso di rientro nel proprio paese.
  • la protezione sussidiaria : questo permesso di soggiorno ha una validità di 3 anni e può essere richiesto da tutti coloro che non possono dimostrare una persecuzione personale ma si ritiene che rischino di subire un danno grave (condanna a morte, tortura, minaccia alla vita in caso di guerra interna o internazionale) se rientrassero nel proprio Paese).

Cosa hanno diritto di fare?

I cittadini stranieri, con i requisiti citati sopra, hanno diritto di partecipare a tutti i concorsi pubblici, possono prestare servizi che, fino adesso, erano riservati unicamente agli cittadini italiani o della Comunità Europea. Così, finalmente, potremo vedere gli insegnanti di origine straniera nelle scuole pubbliche, negli uffici come impiegati presso i comuni, …. negli ospedali come dottori, nella magistratura e nella giustizia come avvocati e non solo. L’unica cosa è che non possono candidarsi per i posti con esercizio diretto o indiretto di pubblici poteri o che tutelano l’interesse nazionale.

Sperando che questo passo possa essere l’inizio di un’era nuova in Italia, non possiamo non evocare i problemi burocratici che rallentano anche le pratiche per la carta di soggiorno e la cittadinanza italiana. Non possiamo non nominare la battaglia del Ministro dell’Integrazione e le politiche giovanili Cécile Kyenge nella lotta contro ogni tipo di razzismo, ogni tipo di discriminazione per favorire una vera integrazione di tutti i cittadini senza alcuna distinzione. Condanniamo ogni politica dei partiti che divide il nostro Bel Paese.

Infine, omaggiamo Martin Luther King. Grazie alla sua forza nella lotta contro ogni razzismo e discriminazione basata sul colore della pelle o fede religiosa, tanti uomini e tante donne sono fieri della loro storia, del loro presente e non temono per il loro futuro. Il suo discorso è ancora attuale anche dopo 50 anni. Signore e signori, ecco a voi, I have a dream:

Articolo letto 2752 volte!

A proposito di Gamaliel NIYONSABA

Fondatore, Community Manager & Caporedattore di questo blog. Possiede circa 9 anni di esperienza pratica nel settore d'immigrazione in Italia, prima come studente universitario che si occupava di richieste e rinnovi dei permessi di soggiorno dei colleghi universitari immigrati, poi come lavoratore autonomo e dipendente. Ha una passione per le lingue. Parla ITALIANO, FRANCESE, INGLESE, SPAGNOLO ed ha una conoscenza base del TEDESCO. Professionalmente lavora nel settore web occupandosi della creazione e gestione dei siti web (Web design & Web Development), Web Marketing, SEO (Indicizzazione sui Motori di Ricerca) & SMM (Social Media Marketing) utile per sfruttare al meglio i principali canali sociali come Facebook, Twitter, YouTube & Google+ . Collabora anche con il Comune di Fara in Sabina (RI) come Mediatore Interculturale e Linguistico nel progetto SPRAR destinato all'integrazione dei richiedenti asilo e rifugiati. Per proporre una collaborazione, chiedere una consulenza, una recensione o un invito in radio o in TV, bisogna inviare un e-mail diretta a nigamaliel@gmail.com.

7 thoughts on “Ho un sogno: da settembre 2013 anche gli immigrati possono accendere ai posti della pubblica amministrazione

  1. Pingback: Dal 06 aprile anche gli stranieri potranno essere assunti come autisti sui mezzi pubblici

  2. salve,
    quindi io che volevo lavorare nelle poste italiane già da tanto e non potevo perché non sono italiana e non ho la cittadinanza italiana ora posso fare la domanda senza problemi??

  3. Pingback: Anche le famiglie numerose con carta di soggiorno hanno diritto all’assegno familiare Permesso di Soggiorno

  4. Ciao Gamaliel, anche a me piacciono molto le lingue straniere, sono nativa della lingua spagnola e mi piaccerebe lavorare profesionalmente in Italia. Certamente ti scrivero alla tua mail.
    Auguri e stiamo in contatto, a presto!
    Perla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.