Testimonianza: lavorare all’estero con il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo

Articolo letto 6859 volte!

Uno dei problemi attuali è il lavoro dei cittadini immigrati in Italia nei paesi dell’Unione Europea con il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo. Nonostante il D.Lgs. n. 3 dell’8 gennaio 2007 di attuazione della direttiva 2003/109/CE relativa allo status di cittadini di Paesi terzi soggiornanti di lungo periodo, tanti stranieri non riescono a lavorare in altri paesi dell’Unione Europea. Si puo’ entrare senza dover chiedere il visto per lavoro e rimanerci per oltre 90 giorni, ma in tanti paesi la procedura per lavorare regolarmente è molto complicata e non è la stessa in tutti i paesi dell’Unione Europea. Vi rapportiamo la testimonianza di un nostro caro lettore A. K. attualmente residente in Francia dove sta lavorando con un contratto a tempo indeterminato, ma non è stato facile.

Il permesso di soggiorno a lungo termine, in altre parole la carta di soggiorno permanente permette ad ogni persona stabilita legalmente in uno degli stati membri UE di vivere e lavorare in tutti i paesi membri dell’Unione Europea. Ma in pratica, non è la realatà sul terreno: la mia piccola esperienza con il permesso di soggiorno italiano è molto personale. Forse tante altre persone hanno vissuto la stessa cosa. Uno straniero oppure una straniera chi decide di lasciare l’Italia per vivere e lavorare nello spazio Schengen, deve prepararsi bene, e sopratutto aver un progetto ben stabilito, altrimenti incontrerà tanta difficoltà .




Durante gli anni di crisi economica mondiale recente, avevo deciso di lasciare l’Italia per stabilirmi in Belgio. Sono stato ben accolto a Bruxelles senza complicazioni, e mi era stato chiesto di cercare un lavoro al più presto per aver i diritti di soggiornare in Belgio. Ma in realtà sono stato confrontato a fare i va e viene inutilmente e mi sembrava di entrare in un tunnel senza via d’uscita. Quando avevo bisogno di un permesso di lavoro loro mi chiedevano un contratto di lavoro. E quando cercavo il contratto di lavoro, mi chiedevano un permesso di lavoro. Era come un cane che si morde la coda. Questa storia ha durato un anno. Non avevo nessun aiuto dallo stato, e dovevo vivere con i miei propri mezzi economici. E la mia situazione peggiorava giorno dopo giorno. Non avevo più un posto per dormire, e avevo deciso di spostarmi in Svizzera.

Préfecture de charente o prefettura per chiedere lavorare in Francia con il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo per lavoro in Francia

Non vorrei dimenticare che in Belgio, ci sono le categorie di lavoro che sono riservate prima di tutto ai cittadini belga, poi ai cittadini europei, poi agli stranieri residenti in Belgio, e in fine per gli altri stranieri che vivono legalmente in Europa. Prima di dare un lavoro agli stranieri, il datore di lavoro deve giustificare che non ha trovato una mano d’opera a livello locale, altrimenti non si rilascia un permesso di lavoro per il nuovo staniero arrivato.
In Svizzera la situazione è peggio che altrove. I cittadini Svizzeri avevano votato una legge contro l’immigrazione di massa, sopratutto contro chi non ha un passaporto della Comunità Europea. Chi possiede un semplice permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo non deve neanche sognare. A meno che trovi un’altra soluzione: matrimonio con uno/a Svizzero/a oppure essere altamente raccomandato da QUALCUNO Ecc.
In questi giorni, c’è una proposta legislazione per vietare il matrimonio tra svizzeri e stranieri di provenienti da paesi non europei.

Annuncio:



Recentemente, sono riuscito a stabilirmi in Francia, anche se non era facile. Dopo quasi tre anni di disoccupazione, ho trovato un contratto di lavoro a tempo pieno e con contratto a tempo indeterminato. Con il mio permesso di soggiorno UE italiano, mi hanno dato una carta di residenza di 10 anni in Francia. Mi manca l’Italia, ma devo adesso amare e lavorare per il nuovo stato che mi ha accolto, senza dimenticare che il percorso è stato molto difficile. Il mondo cambia, e in nessuna parte si trova il pane già servito al tavolo.
Non posso consigliare ad un amico o amica di fare o vivere questa mia esperienza, perché ho capito che nella vita, ognuno/a ha la sua stella da seguire.

Alcune indicazioni per riuscire a vivere e lavorare con il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo:

Mi sono dimenticato un altro aspetto molto importante per la ricerca di lavoro. In alcuni paesi ci sono alcune categorie di lavoro che porta frutti positivi. Per esempio i medici, gli infermieri e badanti ben formati, si trovano lavoro più facilmente. Anche il settore di costruzione, dell’informatica e gli ingenieri. Questi trovano lavoro facilmente e questo lavoro facilita l’ottenimento del titolo di soggiorno del paese ospitante.

Ma bisogna fare riconoscere il suo diploma dal ministero dell’istruzione e aver un casellario giudiziario pulito. Tutti questi documenti devono essere tradotti nella lingua ufficiale del paese di accoglienza. Ecco perché bisogna aver una tasca piena di soldi. Si spende per ogni dossier ed il permesso di soggiorno non è gratuito. A volte ce voglia di piangere quando uno spende senza una fonte di entrata. Per esempio in Francia anche per il permesso di soggiorno di 1 anno o 2 anni, bisogna pagare circa 269,00€. Chi è entrato senza visto o permesso di soggiorno adeguato paga di più, cioè circa 340,00€ di cui bisogna pagare 50 euro non rimborsabili al momento della prima richiesta.

A.K

Nelle prossime pubblicazioni vi presenteremo una guida generale sulla procedura da seguire per vivere e lavorare in alcuni paesi tra cui anche la Francia dove prenderemo un caso specifico nella città di Digione (Dijon), prefettura di Côte d’Or. 

Se stai organizzando il tuo viaggio, ti consigliamo queste offerte:



Booking.com

Articolo letto 6859 volte!

3 Replies to “Testimonianza: lavorare all’estero con il permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo”

  1. Io vivo in italia.ho il permesso di lungo periodo .voglio andare in Spagna cercare lavoro nei campi di agricoltura .come devo fare

  2. Saluti

    Al momento di fare la richiesta del permesso di soggiorno in Francia per motivi di lavoro, ti è stato revocato/tolto il permesso di soggiorno UE italiano oppure è ancora valido?

    Grazie

    • Il permesso di soggiorno UE italiano non è stato tolto ed è ancora valido. Cordiali saluti ed alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Sei umano? Per la sicurezza del nostro sito, rispondi a questa domanda. * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.